• Fallimento, concordato preventivo e concordato fallimentare

Crisi dell’impresa (fallimento)

Fallimento, concordato preventivo e concordato fallimentare

I nostri Avvocati offrono assistenza e consulenza con riferimento, in particolare, a:

  • valutazione dei requisiti per l’accesso alle diverse procedure concorsuali;
  • effetti del fallimento nei riguardi del fallito (privazione del fallito dell’amministrazione e della disponibilità dei suoi beni, sostituzione del Curatore al fallito nelle controversie di natura patrimoniale, inefficacia degli atti e dei pagamenti eseguiti dal fallito dopo la dichiarazione di fallimento, inefficacia dei pagamenti ricevuti dal fallito dopo la dichiarazione di fallimento);
  • effetti del fallimento nei riguardi dei creditori (divieto di azioni esecutive e cautelari da parte dei creditori, concorso dei creditori sul patrimonio del fallito);
  • effetti del fallimento rispetto ai rapporti giuridici preesistenti (contratti vari, quali, ad esempio, compravendita, locazione, leasing, affitto di azienda, appalto, ecc.) e agli atti pregiudizievoli per i creditori (azioni revocatorie, con le quali si chiede che sia dichiarata l’inefficacia degli atti con i quali il fallito, prima del fallimento, abbia disposto del suo patrimonio, ad esempio, donando o vendendo beni immobili, diminuendo così la possibilità che i creditori possano essere soddisfatti);
  • istanza per la dichiarazione di fallimento (proprio o altrui) ed istruttoria prefallimentare (l’attività che viene svolta per verificare che il soggetto nei confronti del quale è stata presentata la richiesta di fallimento possa effettivamente essere dichiarato fallito;
  • appello contro la sentenza dichiarativa del fallimento;
  • istanza per l’insinuazione del credito allo stato passivo del fallimento;
  • opposizione contro lo stato passivo.

Contattate i nostri Avvocati presso la sede di Bari dello studio legale Schino-Campanozzi-Martino.

Logo Studio Schino

Novità giurisprudenziali:

  • 14/09/2016 – FALLIMENTO – Concordato preventivo – risoluzione e rapporto col fallimento

    Il concordato preventivo omologato può essere annullato, ex art. 186 l. fall., quando l’approvazione dei creditori si sia fondata su un’indotta rappresentazione erronea circa la sua fattibilità e convenienza. Infatti, l’annullamento è disposto quando l’errore dei creditori è da ricondurre ad un’alterazione dell’effettiva situazione patrimoniale della società debitrice, realizzata da quest’ultima non solo attraverso le condotte citate dall’art. 138, comma 1, l. fall., ma anche tramite qualsiasi atto di frode posto in essere a tal fine.

  • 13/09/2016 – FALLIMENTO – Dichiarazione di fallimento – procedimento

    Anche nel caso di società già cancellata dal registro delle imprese, il ricorso per la dichiarazione di fallimento può essere validamente notificato, ai sensi dell’art. 15, comma 3, l.fall. – nel testo novellato dal d.l. 18 ottobre 2012 n. 179, conv. con modificazioni dalla l. 17 dicembre 2012 n. 221 -, all’indirizzo di posta elettronica certificata della società cancellata in precedenza comunicato al registro delle imprese, ovvero quando, per qualsiasi ragione, non risulti possibile la notifica a mezzo PEC, direttamente presso la sua sede risultante sempre dal registro delle imprese e, in caso di ulteriore esito negativo, mediante deposito presso la casa comunale del luogo dove la medesima aveva sede.

  • 10/09/2015 – Cassazione civile sez. I 10 settembre 2015 n. 17907

    Vanno riconosciuti in prededuzione, nella successiva procedura fallimentare, i crediti del professionista che ha prestato la sua opera per il risanamento dell’impresa ma anche per prevenire la ‘dissoluzione’ della stessa, ricomprendendo sia l’attività stragiudiziale che giudiziale in rapporto di adeguatezza funzionale con le necessità risanatorie dell’impresa ed in concreto utili per i creditori.

  • 10/09/2015 – Cassazione civile sez. I 10 settembre 2015 n. 17906

    In tema di azione revocatoria, la scientia decoctionis si può desumere dal reiterato ritardo nel pagamento delle forniture; in ogni caso la scelta degli elementi che costituiscono la base della presunzione ed il giudizio logico con cui dagli stessi si deduce l’esistenza del fatto ignoto costituiscono un apprezzamento di fatto che, se adeguatamente motivato, sfugge al controllo di legittimità.

  • 06/08/2015 – Cassazione civile sez. I 06 agosto 2015 n. 16554

    In tema di verificazione del passivo, il principio di non contestazione, che pure ha rilievo rispetto alla disciplina previgente, non comporta affatto l’automatica ammissione del credito allo stato passivo quando esso, per avventura, non sia stato contestato dal curatore (o dai creditori eventualmente presenti in sede di verifica), competendo al Giudice Delegato (e al Tribunale fallimentare) il potere di sollevare, in via ufficiosa, ogni sorta di eccezioni e di applicare i principi in tema di verificazione dei fatti e delle prove.

  • 06/08/2015 – Cassazione civile sez. I 06 agosto 2015 n. 16553

    Lo stato passivo ex art. 96 l. fall., una volta divenuto definitivo, preclude ogni ulteriore valutazione sull’esistenza del credito, sulla sua entità e sull’esistenza di eventuali cause di prelazione, e dunque il giudice delegato non ha più la possibilità di riesaminare tali questioni in sede di distribuzione finale, mediante la degradazione al chirografo di un credito già ammesso in via ipotecaria. E dunque il mancato rinnovo dell’iscrizione ipotecaria alla scadenza del ventennio dalla prima formalità pubblicitaria può essere ragione di degradazione del credito, in quanto in materia non opera la prescrizione, facendo fede la situazione creditoria al momento della proposizione della domanda di ammissione al passivo.

  • 05/03/2015 – Fallimento, società, soci a responsabilità limitata, Cass. civ., sez. I, 05/03/2015 n. 4498

    La trasformazione di una società di persone in società di capitali non determina l’estinzione del precedente soggetto e la creazione di un soggetto diverso e, pertanto, nell’ipotesi della persistenza delle obbligazioni contratte dalla società di persone e di successiva dichiarazione di fallimento della società di capitali, i soci illimitatamente responsabili della società di persone, a meno di adesione alla trasformazione della società di persone da parte dei creditori di tale società, possono essere sottoposti a fallimento, ai sensi dell’art. 147 r.d. n. 267 del 1942.

  • 05/03/2015 – Fallimento, ripartizione dell’attivo, Cass. civ., sez. I, 05/03/2015 n. 4486

    I crediti del professionista derivanti dall’attività di consulenza ed assistenza prestata al debitore ammesso al concordato preventivo, per la redazione e la presentazione della domanda, sono prededucibili nel fallimento consecutivo ai sensi del novellato art. 111, comma 2, r.d. n. 267 del 1942.

  • 04/03/2015 – fallimento, compensazione, Cass. civ., sez. I, 04/03/2015 n. 4380

    In una procedura fallimentare la banca può eccepire i propri crediti in compensazione del debito verso il correntista fallito, anche se nel corso del procedimento di pignoramento presso terzi, poi dichiarato improcedibile per sopravvenuto fallimento del debitore, ne aveva taciuto l’esistenza.

  • 25/02/2015 – fallimento, formazione dello stato passivo, Cass. civ., sez. VI, 25/02/2015 n. 3876

    In caso di fallimento del debitore, i crediti iscritti a ruolo ed azionati dalla società concessionaria per la riscossione seguono l’iter processuale prescritto per gli altri crediti concorsuali, risultando quindi legittima la chiesta di ammissione al passivo, se del caso con riserva, sulla base della sola iscrizione a ruolo, senza che occorra la previa notifica della cartella esattoriale al curatore del fallimento.

  • 23/07/2014 – Fallimento – Azione revocatoria fallimentare – Cass. sez. I, 23/07/2014 n. 16740

    In tema di azione revocatoria, le rimesse effettuate dal terzo fideiussore sul conto corrente dell’imprenditore non sono revocabili, quando risulta che, attraverso la rimessa, il terzo non ha posto la somma nella disponibilità giuridica e materiale del debitore, e -senza utilizzare una provvista del debitore e senza rivalersi nei suoi confronti prima del fallimento- ha adempiuto in qualità di terzo fideiussore l’obbligazione di garanzia nei confronti della banca creditrice.

  • 14/07/2014 – Fallimento – Dichiarazione di fallimento – Cass. , sez. VI, 14/07/2014 n. 16107

    Pagare debiti scaduti non è svolgimento di alcuna attività d’impresa in sé considerata – e cioè, se contemporaneamente il pagamento non sia finalizzato a gestire sul fronte finanziario un’attività economica corrente – quanto piuttosto a evitare azioni esecutive in danno (respinto il ricorso della curatela fallimentare avverso la sentenza di secondo grado che aveva accolto il reclamo ex art. 18 l.f., proposto dall’imprenditore fallito, revocando il fallimento. A detta della Corte le operazioni espletate a seguito della cancellazione dal registro delle imprese, quali il pagamento dei debiti pregressi e la presenza su un sito internet del marchio dell’impresa, dovevano considerarsi insufficienti ai fini della dimostrazione della continuazione dell’attività ai sensi dell’art. 10 l.f. per la declaratoria del fallimento).

  • 14/07/2014 – Cassazione civile sez. VI 14 luglio 2014 n. 16107

    Ai fini della decorrenza del termine annuale dalla cessazione dell’attività, intendendosi quest’ultima come il concreto esercizio dell’attività di impresa, entro il quale, ai sensi dell’art. 10 l. fall., può essere dichiarato il fallimento dell’imprenditore, anche la dismissione di tale qualità deve intendersi correlata al mancato compimento, nel periodo di riferimento, di operazioni intrinsecamente corrispondenti a quelle poste normalmente in essere nell’esercizio dell’impresa, ed il relativo apprezzamento compiuto dal giudice del merito, se sorretto da sufficiente e congrua motivazione, si sottrae al sindacato in sede di legittimità. (Nella specie, la S.C. ha confermato la sentenza impugnata che aveva revocato il fallimento dell’imprenditore sul presupposto che l’intervenuto pagamento di debiti pregressi in epoca successiva alla cancellazione dal registro delle imprese e la permanenza su di un sito internet del marchio della ditta non fossero elementi sufficienti al fine di dimostrare la continuazione dell’attività imprenditoriale).

  • 09/07/2014 – Fallimento – Azione revocatoria fallimentare – Cass., sez. I. 09/07/2014 n. 15605

    Le rimesse sul conto corrente dell’imprenditore successivamente fallito sono legittimamente revocabili, ai sensi dell’art. 67 l. fall., quando il conto stesso risulti ‘scoperto’ secondo il criterio del ‘saldo disponibile’, da determinarsi in ragione delle epoche di effettiva esecuzione di incassi ed erogazioni da parte della banca; pertanto, in presenza di operazioni di sconto di titoli cambiari con accredito del netto ricavo sul conto corrente, tale saldo va determinato considerando che il cliente acquista l’immediata disponibilità del denaro, accreditato sul conto corrente a fronte della cessione del credito verso terzi, e che l’eventuale mancato buon fine del titolo opera come condizione risolutiva del contratto.

  • 01/07/2014 – fallimento – Azione revocatoria fallimentare – Cass., sez. I, 01/07/2014 n. 17286

    In tema di prova contraria della conoscenza dello stato di insolvenza, presunta nella revocatoria fallimentare ai sensi dell’art. 67, comma 1, numero 1, l.f., va attribuito rilievo alla contiguità territoriale del luogo in cui opera l’impresa, all’occasionalità oppure alla continuità dei rapporti commerciali con essa ed alla loro importanza, all’epoca dell’atto rispetto alla dichiarazione di fallimento.

  • 05/02/2014 – FALLIMENTO – Dichiarazione di fallimento – comparizione dell’imprenditore – Cassazione civile sez. I 05 febbraio 2014 n. 2561

    Il provvedimento con il quale il Tribunale fissa una nuova udienza dopo la comparizione del debitore, che lamenta il mancato rispetto del termine di comparizione previsto dall’art. 15, terzo comma, l. fall., si colloca nell’ambito del procedimento iniziato con il ricorso e con il decreto con il quale è stata fissata la prima udienza di comparizione. Tale provvedimento non specificamente previsto dal citato art. 15 deve ritenersi consentito alla stregua dell’art. 164, terzo comma, c.p.c., in mancanza di previsione contraria o incompatibile dettata dalla disciplina speciale. I termini, tuttavia, restano quelli disciplinati dall’art. 15 l. fall., secondo cui gli stessi ‘possono essere abbreviati dal presidente del tribunale, con decreto motivato, se ricorrono particolari ragioni di urgenza.

  • 31/01/2014 – FALLIMENTO – Privilegio – Cassazione civile sez. I 31 gennaio 2014 n. 2112

    Al creditore istante per la dichiarazione di fallimento del suo debitore va riconosciuto il privilegio per le spese di giustizia (di cui agli artt. 2755, 2770 c.c. e 95 c.p.c.) con riferimento alle spese all’uopo sostenute, atteso il sostanziale parallelismo tra creditore procedente nella procedura esecutiva singolare e creditore istante nella procedura concorsuale.

  • 24/01/2014 – FALLIMENTO – Competenza – sede dell’impresa GIURISDIZIONE CIVILE – domicilio e residenza – Cassazione civile sez. I 24 gennaio 2014 n. 1508

    Se la sede estera è fittizia, mentre quella effettiva è collocata su territorio italiano, il giudice italiano ha giurisdizione per dichiarare il fallimento.

  • 15/10/2013 – Concordato preventivo – Cassazione civile sez. I 15 ottobre 2013 n. 23387

    Il deposito delle scritture contabili non è previsto ai fini dell’ammissibilità della proposta di concordato e va escluso che queste, sia pure come allegato, ne facciano parte e siano destinate ad illustrarne il contenuto. Resta, invece, ferma la necessità dell’annotazione sulle scritture del decreto di ammissione alla procedura di concordato per distinguere le registrazioni anteriori da quelle successive a tale evento; così come resta ferma la messa a disposizione del commissario giudiziale delle scritture contabili sulla cui scorta, tra l’altro, il commissario giudiziale deve procedere alle verifiche ed agli accertamenti di sua competenza.

  • 22/03/2013 – FALLIMENTO E PROCEDURE CONCORSUALI – DOMANDA DI INSINUAZIONE AL PASSIVO – ESATTA INDIVIDUAZIONE DELLA PROCEDURA – NECESSITÀ Cass, sez. I, sentenza n. 7278 del 22 marzo 2013.

    Nel regime anteriore alle modifiche operate con il d.lgs. n. 5 del 2006, la domanda di insinuazione al passivo richiede l’esatta individuazione della procedura cui si intende partecipare, che può ritenersi implicita solo quando la procedura riguardi il fallimento di un solo soggetto.

  • 15/03/2013 – FALLIMENTO E PROCEDURE CONCORSUALI – AMMINISTRAZIONE STRAORDINARIA DELLE GRANDI IMPRESE IN CRISI – DECRETO DI INAMMISSIBILITÀ DELLA DOMANDA DI DICHIARAZIONE DELLO STATO DI INSOLVENZA – RECLAMO ALLA CORTE D’APPELLO – AMMISSIBILITÀ – REQUISITO DIMENSIONALE – ACCERTAMENTO IN ORDINE ALLA SINGOLA IMPRESA PUR INSERITA IN UN “GRUPPO” – NECESSITÀ Cass., sezione I, sentenza n. 6648 del 15 marzo 2013.

    Intervenendo in tema di amministrazione straordinaria delle grandi imprese in crisi, la Suprema Corte ha sancito la reclamabilità alla corte di appello del decreto con cui sia ritenuta inammissibile, per difetto dei requisiti indicati dall’art. 2, lettere a) e b), del d. lgs. 8 luglio 1999, n. 270, la domanda di dichiarazione dello stato di insolvenza senza la contestuale dichiarazione di fallimento della stessa impresa, riconoscendo la legittimazione a proporlo a quest’ultima, e precisando, altresì, che il requisito dimensionale indicato nell’art. 2, lettera a), del citato decreto va accertato con riferimento alla singola impresa richiedente e non con riguardo al gruppo del quale essa eventualmente faccia parte, escludendosi, inoltre, dal computo dei dipendenti occupati nell’ultimo anno quelli che lavorano nelle aziende cedute in affitto a terzi.

  • 02/02/2013 – AMMISSIONE AL PASSIVO – DATA CERTA – ECCEZIONE IN SENSO LATO – CONFIGURABILITÀ – CONSEGUENZE Cass., SS.UU., sentenza n. 4213 del 20 febbraio 2013.

    Nei confronti del creditore che proponga istanza di ammissione al passivo del fallimento, in ragione di un suo preteso credito, il curatore è terzo e non parte, circostanza da cui discende l’applicabilità dei limiti probatori indicati nell’art. 2704 cod. civ. La mancanza di data certa nelle scritture prodotte si configura come fatto impeditivo all’accoglimento della domanda oggetto di eccezione in senso lato, in quanto tale rilevabile anche di ufficio dal giudice. La rilevazione di ufficio dell’eccezione determina la necessità di disporre la relativa comunicazione alle parti per eventuali osservazioni e richieste e subordina la decisione nel merito all’effettuazione del detto adempimento.

  • 23/01/2013 – FALLIMENTO E PROCEDURE CONCORSUALI – CONCORDATO PREVENTIVO – CONTROLLO DI LEGITTIMITÀ DEL GIUDICE SUL GIUDIZIO DI FATTIBILITÀ DELLA PROPOSTA DI CONCORDATO – AMMISSIBILITÀ – CONTENUTO Cass., SS.UU., sentenza n. 1521 del 23 gennaio 2013.

    Risolvendo una questione di particolare importanza, le Sezioni Unite hanno enunciato il seguente principio di diritto: “Il giudice ha il dovere di esercitare il controllo di legittimità sul giudizio di fattibilità della proposta di concordato, non restando questo escluso dall’attestazione del professionista, mentre resta riservata ai creditori la valutazione in ordine al merito del detto giudizio, che ha ad oggetto la probabilità di successo economico del piano ed i rischi inerenti; il controllo di legittimità del giudice si realizza facendo applicazione di un unico e medesimo parametro nelle diverse fasi di ammissibilità, revoca ed omologazione in cui si articola la procedura di concordato preventivo; il controllo di legittimità si attua verificando l’effettiva realizzabilità della causa concreta della procedura di concordato; quest’ultima, da intendere come obiettivo specifico perseguito dal procedimento, non ha contenuto fisso e predeterminabile, essendo dipendente dal tipo di proposta formulata, pur se inserita nel generale quadro di riferimento, finalizzato al superamento della situazione di crisi dell’imprenditore, da un lato, e all’assicurazione di un soddisfacimento, sia pur ipoteticamente modesto e parziale, dei creditori, da un altro”.

  • 18/01/2013 – FALLIMENTO E PROCEDURE CONCORSUALI – CONCORDATO PREVENTIVO CON CESSIONE DEI BENI O AD ESSO ASSIMILABILE – NOMINA DEL LIQUIDATORE – MEDESIMO SOGGETTO GIÀ INCARICATO COME COMMISSARIO GIUDIZIALE – CONFLITTO DI INTERESSI – CONFIGURABILITÀ – RAGIONI Cass. sezione I, sentenza n. 1237 del 18 gennaio 2013.

    In tema di concordato preventivo con cessione dei beni, o ad esso assimilabile, la nomina a liquidatore della persona già in carica come commissario giudiziale collide con il requisito – di cui al combinato disposto degli art. 182, secondo comma, e 28, secondo comma, l. fall., nei rispettivi testi applicabili “ratione temporis”, risultanti dalle modifiche ad essi apportate dal d.lgs. 12 settembre 2009, n. 167 – che il liquidatore sia immune da conflitto di interessi, anche potenziale, ipotesi, invece, configurabile laddove nella sua persona si cumulino la funzione gestoria con quella di sorveglianza dell’adempimento del concordato, di cui all’art. 185, primo comma, della legge fallimentare.

  • 15/01/2013 – FALLIMENTO – Concordato preventivo
    Cassazione civile sez. I 15 novembre 2013 n. 25737

    In tema di concordato preventivo, dopo il d.l. 14 marzo 2005, n. 35, convertito nella legge 14 maggio 2005, n. 80, ma anteriormente alla data di entrata in vigore del d.lg. 12 settembre 2007, n. 169, l’impugnazione del decreto di omologazione va proposta con l’appello, nel termine di quindici giorni dalla comunicazione del provvedimento, non potendosi ritenere implicitamente abrogato l’originario art. 183 l. fall., limitatamente a tale mezzo di impugnazione, per incompatibilità con l’art. 180 l. fall., nella versione introdotta dal d.l. n. n. 35 del 2005, come, peraltro, confermato dall’art. 22, comma 2, del d.lg. n. 169 del 2007, che ha limitato l’applicabilità della nuova disciplina, contenente anche la modifica del citato art. 183 e l’introduzione del reclamo in luogo dell’appello, alle sole procedure concorsuali e di concordato fallimentare aperte successivamente al 1 gennaio 2008.

Logo Studio Schino

Novità giurisprudenziali: all’interno di ciascuno dei sopra indicati argomenti è riportata una rassegna di relative sentenze.

Alternative alle cause

Risoluzione in via conciliativa delle controversie civili, evitando il ricorso al Giudice, attraverso strumenti dai tempi estremamente brevi (pochi mesi).

Maggiori dettagli

FAQ

In questa sezione troverete le risposte alle domande frequenti sul rapporto cliente/avvocato e sull’attività di questi.

Maggiori dettagli

Processo civile in pillole

Il processo civile è lo strumento attraverso il quale vengono risolte le controversie di diritto privato, ossia di quella branca del diritto che si occupa dei rapporti tra le persone in relazione alla loro sfera personale o familiare o economico-patrimoniale.

Maggiori dettagli

Soluzione ai debiti del consumatore e del microimprenditore

In questa sezione troverete le risposte alle domande frequenti sul rapporto cliente/avvocato e sull’attività di questi.

Maggiori dettagli

Questo sito web, in conformità con la Legge professionale e il Codice Deontologico dell’avvocatura (art. 17), si propone di informare gli assistiti e i potenziali Clienti sull’organizzazione interna allo studio legale e sulle nuove metodologie d’instaurazione dei rapporti professionali con la clientela.

Contattaci

Autorizzo al trattamento dei miei dati personali (D. Lgs. 196/03)