• Matrimonialista Bari

Amministrazione di sostegno, Interdizione

Alla nomina di un amministratore di sostegno si ricorre quando un’infermità o una menomazione fisica o psichica determina l’impossibilità, anche parziale o temporanea, di provvedere ai propri interessi.

La relativa istanza può essere proposta dalla stessa persona beneficiaria, dal coniuge, dalla persona stabilmente convivente, dai parenti entro il quarto grado, dagli affini entro il secondo grado, dal tutore, dal curatore o dal Pubblico Ministero.

Nella scelta dell’amministratore di sostegno il Giudice Tutelare preferisce, ove possibile, il coniuge non legalmente separato, la persona stabilmente convivente, il padre, la madre, il figlio o il fratello o la sorella, il parente entro il quarto grado. Quando ne ravvisa l’opportunità, però, il Giudice Tutelare può anche scegliere un’altra persona.

Il beneficiario dell’amministrazione di sostegno conserva la capacità di agire per tutti gli atti che non richiedono la rappresentanza esclusiva o l’assistenza necessaria dell’amministratore di sostegno. Inoltre, può compiere gli atti necessari a soddisfare le esigenze della propria vita quotidiana.

Al procedimento di interdizione, invece, si fa ricorso quando un’abituale infermità di mente impedisce di provvedere ai propri interessi, per cui si rende necessaria la nomina di un tutore da parte del Tribunale.

La relativa istanza può essere proposta dalla stessa persona interdicenda, dal coniuge, dalla persona stabilmente convivente, dai parenti entro il quarto grado, dagli affini entro il secondo grado, dal tutore, dal curatore o dal Pubblico Ministero.

L’interdizione non può essere pronunciata senza che prima si sia proceduto all’esame dell’interdicendo.

Per le problematiche in tema di amministrazione di sostegno e interdizione contattate la sede di Bari del nostro studio, le caratteristiche generali della cui attività sono riportate in Home e Studio legale.

Logo Studio Schino

Novità giurisprudenziali: all’interno di ciascuno dei sopra indicati argomenti è riportata una rassegna di relative sentenze.

Alternative alle cause

Risoluzione in via conciliativa delle controversie civili, evitando il ricorso al Giudice, attraverso strumenti dai tempi estremamente brevi (pochi mesi).

Maggiori dettagli

F.A.Q.

In questa sezione troverete le risposte alle domande frequenti sul rapporto cliente/avvocato e sull’attività di questi.

Maggiori dettagli

Processo civile in pillole

Il processo civile è lo strumento attraverso il quale vengono risolte le controversie di diritto privato, ossia di quella branca del diritto che si occupa dei rapporti tra le persone in relazione alla loro sfera personale o familiare o economico-patrimoniale.

Maggiori dettagli

Soluzione ai debiti del consumatore e del microimprenditore

Risoluzione delle situazioni di indebitamento dei consumatori e dei piccoli imprenditori.

Maggiori dettagli

Questo sito web, in conformità con la Legge professionale e il Codice Deontologico dell’avvocatura (art. 17), si propone di informare gli assistiti e i potenziali Clienti sull’organizzazione interna allo studio legale e sulle nuove metodologie d’instaurazione dei rapporti professionali con la clientela.

Contattaci

Autorizzo il trattamento dei miei dati personali (art. 13 del Regolamento europeo 679/2016)