• Indennizzo per legge Pinto

Tutela del creditore

Pignoramento, sequestro, ipoteca, simulazione, revocatoria

Una delle problematiche più frequentemente affrontate dagli Avvocati del nostro studio civilista è, senza dubbio, quella della tutela delle ragioni del creditore di somme di denaro.

Ebbene, diversi sono gli strumenti che, a tale fine, si possono utilizzare, a seconda della situazione in cui versano tanto il creditore quanto i beni del debitore che il primo voglia aggredire.

Così, se il credito è rappresentato da un titolo esecutivo (ad esempio, assegno bancario, pagherò cambiario, decreto ingiuntivo provvisoriamente esecutivo ovvero definitivo, sentenza provvisoriamente esecutiva ovvero definitiva, verbale di conciliazione, verbale di mediazione, ecc.), il creditore può immediatamente fare valere le sue ragioni sui beni del debitore attraverso l’ipoteca dei beni immobili, nonché attraverso il pignoramento, nelle sue varie forme del pignoramento mobiliare presso il debitore (ossia dei beni mobili) ovvero del pignoramento mobiliare presso terzi (ossia dei beni o delle somme dovute in favore del debitore da soggetti terzi, quali le banche o i clienti) ovvero ancora del pignoramento immobiliare (ossia di edifici o terreni).

Laddove, invece, il credito sia ancora in fase di accertamento (l’esempio tipico è quando, essendoci delle contestazioni, tuttora pende una causa), nel tempo necessario ad ottenere dal Giudice il riconoscimento del credito, il creditore può, in casi di particolare urgenza, ottenere dal Giudice stesso il sequestro dei beni mobili o immobili del debitore ovvero delle somme dovute in suo favore da altri soggetti.

Anche nel caso in cui il debitore si sia spogliato di alcuni beni immobili, ad esempio vendendoli o donandoli, il creditore, ricorrendo determinati presupposti, può chiedere, attraverso l’azione revocatoria o quella di simulazione che l’atto dispositivo (nell’esempio di cui sopra, quello di compravendita o di donazione) sia dichiarato inefficace nei suoi confronti: con la conseguenza che il bene immobile, ad es. venduto o donato, torna ad essere di proprietà del debitore e, quindi, il creditore può aggredirlo con l’ipoteca o il pignoramento.

Alcune dei quesiti più frequentemente posti dai nostri clienti sono:

  • Quando si può chiedere la simulazione di un contratto La simulazione del contratto può essere chiesta quando le parti lo hanno concluso in modo soltanto apparente, senza cioè che, in realtà, volessero porre in essere alcun  contratto (simulazione assoluta) oppure volendo porre in essere un contratto diverso da quello apparente (simulazione relativa). L’esempio scolastico di simulazione contrattuale è la compravendita, quando cioè attraverso appunto la compravendita si vuole dissimulare, in realtà, una donazione.
  • Quando si può chiedere la revocatoria di un atto La revocatoria di un atto può essere chiesta quando, trattandosi di atto a titolo gratuito (es. donazione), una delle parti si priva di un bene sapendo di pregiudicare in questa maniera le ragioni del suo creditore (che, ovviamente, avrà più difficoltà a recuperare il credito) o, trattandosi di atto anteriore al sorgere del credito, l’atto fosse dolosamente preordinato a pregiudicare il soddisfacimento del credito. Qualora si tratti di atto a titolo oneroso (ad es. la compravendita), invece, anche l’altra parte dell’atto deve essere consapevole dell’intento pregiudizievole o, nel caso di atto anteriore all’insorgenza del credito, doveva essere partecipe della preordinazione dolosa.
  • Quali sono le conseguenze della simulazione In caso di simulazione assoluta il contratto non ha effetto tra le parti e, quindi, la situazione giuridica rimane immutata, mentre nel caso di simulazione relativa tra le parti produce effetto il contratto dissimulato. Nei confronti dei terzi che hanno acquistato diritti dal simulato acquirente, invece, resta valido il contratto apparente, sempre che il loro acquisto sia precedente alla trascrizione della domanda di simulazione.
  • Quali sono le conseguenze della revocatoria La revocatoria non travolge l’atto di disposizione posto in essere dal debitore, ma semplicemente determina l’inefficacia dell’atto stesso unicamente nei confronti del creditore che abbia esperito la relativa azione, al fine così di consentirgli di esercitare sul bene oggetto dell’atto revocato l’azione esecutiva per la realizzazione del credito.
  • Il fondo patrimoniale può essere pignorato I beni costituenti il fondo patrimoniale sono pignorabili a fronte di debiti contratti per il soddisfacimento dei bisogni della famiglia.
  • Il fondo patrimoniale può essere ipotecato Sui beni costituenti il fondo patrimoniale è possibile iscrivere ipoteca a fronte di debiti contratti per il soddisfacimento dei bisogni della famiglia
  • Il fondo patrimoniale può essere oggetto di revocatoria Il fondo patrimoniale può costituire oggetto della domanda di revocatoria da parte dei creditori di uno o di entrambi i coniugi.
  • Le cessioni di beni fatte con la separazione possono essere annullate Le cessioni di beni fatte con il divorzio possono essere annullate I trasferimenti di beni effettuati dai coniugi in occasione della separazione consensuale o del divorzio congiunto possono costituire oggetto della domanda di simulazione ovvero di quella di revocatoria.
  • Quando si può pignorare lo stipendio Quando si può pignorare il conto corrente Quando si può pignorare la pensione Quando si può pignorare un immobile Il principio generale è che, al di là dell’ammontare del credito per il quale intende procedere, il creditore può scegliere la forma di pignoramento che ritiene più opportuna al relativo soddisfacimento (pignoramento mobiliare, pignoramento presso terzi, pignoramento immobiliare) e i beni sui quali fare ricadere il pignoramento (ad es., autovettura, conto corrente, pensione, stipendio, un immobile piuttosto che un altro, ecc.). Anzi, egli può anche cumulare le diverse forme di pignoramento.
  • Lo stipendio può essere pignorato per intero Lo stipendio ancora dovuto dal datore di lavoro può essere pignorato, normalmente, entro il limite di un quinto, anche se per i crediti alimentari il Tribunale può autorizzare una misura diversa. Laddove il pignoramento dello stipendio avvenga non presso il datore di lavoro, ma presso la banca dove lo stipendio viene accreditato, per le mensilità successive il pignoramento deve intendersi effettuato entro i limiti precedentemente indicati.
  • La pensione può essere pignorata per intero La pensione può essere pignorata soltanto per la parte eccedente l’assegno sociale aumentato della metà, nel limiti, a seconda dei casi, di un quinto ovvero della diversa misura fissata dal Tribunale. Laddove il pignoramento della pensione avvenga non presso il soggetto erogante il trattamento, ma presso la banca dove la pensione viene accreditata, per le mensilità successive il pignoramento deve intendersi effettuato entro i limiti precedentemente indicati.
  • Il conto corrente può essere pignorato interamente Normalmente, il conto corrente può essere pignorato nella sua interezza. Laddove, però, su quel conto corrente sia accreditato lo stipendio o la pensione, gli accrediti successivi al pignoramento restano “bloccati” nella misura di un quinto ovvero nella diversa misura stabilita dal Tribunale.
  • Il conto corrente cointestato può essere pignorato interamente Considerato che i soldi presenti sul conto corrente cointestato si presumono appartenere ai due cointestatari nella stessa misura, il pignoramento del conto corrente può avvenire nel limite del 50%, salva la prova che tutte le somme presenti sul conto corrente sono, in realtà, soltanto del cointestatario debitore: nella quale ultima ipotesi, il conto corrente può essere pignorato per l’intero.
  • L’immobile in comproprietà può essere pignorato L’immobile in comproprietà tra più persone può essere pignorato soltanto per la quota di proprietà del debitore. Ad essere venduto, però, sarà l’intero immobile, con assegnazione agli altri comproprietari della parte del ricavato della vendita corrispondente alla loro quota di proprietà e destinazione alla procedura esecutiva della parte del ricavato della vendita corrispondente alla quota del comproprietario debitore.
  • L’immobile in comunione dei beni può essere pignorato L’immobile in comunione legale tra i coniugi può essere pignorato per l’intero e, una volta venduto, al coniuge non debitore spetterà la metà del ricavato della vendita, mentre l’altra metà sarà destinata alla procedura esecutiva.
  • La nuda proprietà può essere pignorata La nuda proprietà può essere pignorata.
  • L’usufrutto può essere pignorato L’usufrutto può essere pignorato.

Contattate gli Avvocati civilisti presso la sede di Bari del nostro studio legale, le caratteristiche generali della cui attività sono riportate in Home e Studio legale.

Logo Studio Schino

Novità giurisprudenziali:

    Logo Studio Schino

    Novità giurisprudenziali: all’interno di ciascuno dei sopra indicati argomenti è riportata una rassegna di relative sentenze.

    Alternative alle cause

    Risoluzione in via conciliativa delle controversie civili, evitando il ricorso al Giudice, attraverso strumenti dai tempi estremamente brevi (pochi mesi).

    Maggiori dettagli

    F.A.Q.

    In questa sezione troverete le risposte alle domande frequenti sul rapporto cliente/avvocato e sull’attività di questi.

    Maggiori dettagli

    Processo civile in pillole

    Il processo civile è lo strumento attraverso il quale vengono risolte le controversie di diritto privato, ossia di quella branca del diritto che si occupa dei rapporti tra le persone in relazione alla loro sfera personale o familiare o economico-patrimoniale.

    Maggiori dettagli

    Soluzione ai debiti del consumatore e del microimprenditore

    Risoluzione delle situazioni di indebitamento dei consumatori e dei piccoli imprenditori.

    Maggiori dettagli

    Questo sito web, in conformità con la Legge professionale e il Codice Deontologico dell’avvocatura (art. 17), si propone di informare gli assistiti e i potenziali Clienti sull’organizzazione interna allo studio legale e sulle nuove metodologie d’instaurazione dei rapporti professionali con la clientela.

    Contattaci

    Autorizzo il trattamento dei miei dati personali (art. 13 del Regolamento europeo 679/2016)