• Matrimonialista Bari

Avvocato risoluzione contratto Bari

Avvocato recesso contratto Bari

Le conseguenze del mancato rispetto dei requisiti del contratto e dell’inadempimento delle obbligazioni con questo assunte riguardano esemplificativamente:

  • nullità
    quando il contratto è contrario a norme imperative, manca dei requisiti previsti dalla legge, ha una causa illecita;

  • annullamento
    se una delle parti era legalmente incapace di contrarre, se il consenso del contraente è stato dato per errore, estorto con violenza o carpito con dolo;

  • rescissione
    se una delle parti ha assunto obbligazioni a condizioni inique per la necessità, nota all’altra parte, di salvare sé o altri dal pericolo attuale di un danno grave alla persona;

  • recesso
    per l’ipotesi in cui la relativa facoltà sia prevista dal contratto o dalla legge ovvero l’altra parte sia inadempiente;

  • risoluzione per inadempimento
    quando una delle parti non adempie agli obblighi assunti, purché questi non siano di scarsa importanza;

  • risoluzione per impossibilità improvvisamente sopravvenuta
    quando, per causa non imputabile alla parte, la prestazione che questa si era impegnata ad eseguire è divenuta impossibile;

  • risoluzione per eccessiva onerosità
    quando, per il verificarsi di avvenimenti straordinari e imprevedibili, la prestazione di una delle parti è divenuta eccessivamente onerosa);

  • risarcimento del danno, pagamento della penale o della caparra confirmatoria
    quando dall’inadempimento (totale o parziale) di una parte alle obbligazioni assunte con il contratto l’altra parte abbia subito un danno, quando sia stata preventivamente concordata una certa somma a titolo di risarcimento danni e quando al momento della conclusione del contratto sia stata corrisposta una certa somma per garantire l’adempimento delle obbligazioni contrattuali.

Domande/Risposte relative a impugnazione, recesso e inadempimento del contratto

Ferme restando le problematiche ricordate alla pagina “Contratto in generale“, di seguito sono riportate le risposte ad alcuni degli interrogativi in questo ambito più spesso sollevatici dai clienti.

  • Quando si può impugnare un contratto
    Ebbene, diverse sono le ipotesi in cui il contratto può essere impugnato: così, ad esempio, se è stato firmato da un minore di età o da un soggetto incapace di intendere, sia in maniera permanente (si pensi all’interdetto) che temporanea (si pensi a chi è sotto l’effetto di sostanze stupefacenti), o nelle ipotesi di minaccia fisica o psicologica oppure perché manca taluno degli elementi essenziali del contratto (causa, oggetto, forma) oppure ancora perché il contratto è contrario a norme imperative dell’ordinamento.

  • Quando si può impugnare un atto notarile
    La risposta al precedente quesito vale, sostanzialmente, anche per l’atto notarile.

  • Quando si può chiedere la risoluzione del contratto
    La risoluzione del contratto si può chiedere nei seguenti casi: 
    -inadempimento, per così dire “grave”, di una delle parti ad alcune delle obbligazioni assunte;-impossibilità sopravvenuta, ossia quando la prestazione a carico di una delle parti è divenuta impossibile da eseguire; -eccessiva onerosità sopravvenuta, cioè quando la prestazione di una delle parti è divenuta eccessivamente onerosa a causa di avvenimenti straordinari e imprevedibili.

  • Quando si può recedere dal contratto
    Sempre che il contratto non abbia ancora avuto un principio di esecuzione, il recesso può essere esercitato quando la relativa facoltà è prevista dal contratto stesso o dalla legge ovvero quando l’altra parte è inadempiente. Nei contratti ad esecuzione periodica o continuata tale facoltà può essere esercitata anche successivamente, ma il recesso non ha effetto per le prestazioni già eseguite o in corso di esecuzione.

  • Quando si può annullare un contratto
    Alcune delle ipotesi più frequenti nelle quali si può chiedere l’annullamento di un contratto sono l’incapacità legale, l’incapacità naturale, l’errore, la violenza, il dolo.

  • Quando si può chiedere la nullità di un contratto
    La nullità si può chiedere quando il contratto è contrario a norme imperative, difetta dei suoi requisiti essenziali (accordo delle parti, causa, oggetto, forma), la causa o i motivi sono illeciti ovvero l’oggetto è impossibile, illecito, indeterminato o indeterminabile, nonché in tutti gli altri casi stabiliti dalla legge.

  • Quando si può chiedere il risarcimento dei danni per inadempimento di un contratto
    In caso di inadempimento di un contratto il risarcimento dei danni può essere chiesto se ed in quanto i danni effettivamente siano stati subiti e possano essere provati nel loro ammontare.

Contatti

Per assistenza e consulenza per le problematiche in materia contrattuale contattateci presso la sede di Bari del nostro studio, le caratteristiche generali della cui attività sono riportate in Home e Studio legale.

Logo Studio Schino

Novità giurisprudenziali: all'interno di ciascuno dei sopra indicati argomenti è riportata una rassegna di relative sentenze.

Alternative alle cause

Risoluzione in via conciliativa delle controversie civili, evitando il ricorso al Giudice, attraverso strumenti dai tempi estremamente brevi (pochi mesi).

Maggiori dettagli

F.A.Q.

In questa sezione troverete le risposte alle domande frequenti sul rapporto cliente/avvocato e sull'attività di questi.

Maggiori dettagli

Processo civile in pillole

Il processo civile è lo strumento attraverso il quale vengono risolte le controversie di diritto privato, ossia di quella branca del diritto che si occupa dei rapporti tra le persone in relazione alla loro sfera personale o familiare o economico-patrimoniale.

Maggiori dettagli

Soluzione ai debiti del consumatore e del microimprenditore

Risoluzione delle situazioni di indebitamento dei consumatori e dei piccoli imprenditori.

Maggiori dettagli

Questo sito web, in conformità con la Legge professionale e il Codice Deontologico dell'avvocatura (art. 17), si propone di informare gli assistiti e i potenziali Clienti sull'organizzazione interna allo studio legale e sulle nuove metodologie d'instaurazione dei rapporti professionali con la clientela.

Contattaci

Autorizzo il trattamento dei miei dati personali (art. 13 del Regolamento europeo 679/2016)

14.05.2021 – Cassazione Civile – sez. III – ordinanza n. 13145/21 – Nel rapporto di mandato la prova del ricevimento della raccomandata di recesso ricade sul mandante – La comunicazione di recesso dal contratto di mandato fiduciario, da eseguirsi mediante lettera raccomandata per accordo contrattuale intervenuto tra le parti, è un atto unilaterale recettizio che, in mancanza di diversa pattuizione convenzionale, segue le regole generali, per cui lo stesso produce i suoi effetti nel momento in cui il destinatario lo riceve o ne abbia presuntiva avuto conoscenza.